Enologia: Fermentazione Malolattica

24 Agosto 2007 di Mezzapelle Vito


Condividi il post suShare on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin


L’acido malico

presente nel mosto può essere degradato dai lieviti (saccharomyces e soprattutto Schizosaccharomyces), ma successivamente e prioritariamente da varie specie di batteri, appartenenti per lo più ai generi Leuconostoc e Lactobacillus, attraverso i biochimismi della fermentazione malolattica (FML)…

Nonostante la questione legata al bilancio energetico della FML appaia ancora non del tutto chiarita (per quanto concerne l’energia che da essa possono ricavare i batteri), è facilmente dimostrabile, sotto il profilo strettamente chimico, sia un innalzamento del pH, sia una diminuzione dell’aciità titolabile (aspetti che portano a condizioni ambientali più favorevoli per i batteri).

La scoperta della natura microbiologica di tale fenomeno è dovuta agli studi di Muller-Thurgau e Osterwalder, che risalgono ancora alla fine del XIX secolo.

I batteri lattici possono degradare l’acido L(-) malico del vino ad acido L(+) lattico e anidride carbonica.

Fonte: Vito Mezzapelle


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright di Dott. Enologo - Vito Mezzapelle Part. I.V.A. 02598710818