Ritorna il vino della Grande Farfalla

1 Ottobre 2011 di Mezzapelle Vito


Condividi il post suShare on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Visita Virtuale

 

La Farfalla, come spesso viene chiamata l’isola di Favignana, per le due ali che sembrano dispiegate sul fiore azzurro del mare a suggerirne il nettare, deve il suo nome attuale al vento Favonio.

Nei secoli a.C,  i fenici la chiamavano Katria, i latini Egate, i greci Aegusa (“l’isola delle capre”) per la quantità di capre selvatiche che pascolavano nell’isola. Ma, oltre alle capre, c’erano altri animali selvatici: conigli, porci, e asini. La pesca e la viticoltura erano praticate nell’isola; tuttavia quest’ultima fu abbandonata nei primi del ‘900, a causa dei danni causati dalla fillossera.

In quest’isola, situata ad ovest delle coste trapanesi, negli ultimi anni la viticoltura è rinata.

 

 

Dopo un lungo e laborioso lavoro di bonifica del terreno, nel 2008 sono stati impiantati cinque ettari di vigneto ad alberello a pochi metri dalla scogliera di Calamoni, sul versante centro-sud dell’isola, con una densità d’impianto di 5000 piante/ha. Si tratta di due appezzamenti contigui caratterizzati da terreni arenari, con rocce affioranti di tufo e sabbia rossa.

Le varietà coltivate sono Nero d’Avola, Perricone, Grillo, Catarratto e Zibibbo.

 

 

La conferma che il mare ha un ruolo fondamentale nel forgiare sia le proprietà organolettiche delle uve che del vino è stato possibile verificarlo  con la prima vinificazione delle uve ottenute. A parte la freschezza dei profumi e una piacevole acidità, le componenti saline e minerali sono stati facilmente avvertiti alla svinatura dei rossi, ma per avere uno quadro completo sarà necessario degustare i vini tra qualche mese.

 

Enol. Vito Mezzapelle


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright di Dott. Enologo - Vito Mezzapelle Part. I.V.A. 02598710818